Marocco: un viaggio di arrampicata

Alpinismo, Arrampicata, Viaggi e spedizioni | Commenti disabilitati su Marocco: un viaggio di arrampicata

La nostra guida alpina XMountain Alessandro Baù è stato in Marocco lo scorso ottobre.
Un viaggio di arrampicata, ma anche un’esperienza coinvolgente e tutta da scoprire, a contatto con le abitudini e la gente del posto. Ecco il suo racconto.
“Si dice che qui ci siano le montagne calcaree più belle al mondo. Di sicuro, a Taghia, in Marocco, ho vissuto un’esperienza di arrampicata e di vita davvero emozionanti. Il villaggio berbero, che si trova tra le montagne dell’Atlante, è piccolissimo – circa 400 abitanti – e raggiungibile solo a piedi. Gli abitanti vivono di pastorizia e conducono una vita abbastanza isolata, senza l’ausilio di rete internet, luce, telefono, strade asfaltate. Le persone sono molto ospitali e gentili e la cucina, anche se semplice, è soddisfacente.

La roccia è uno stupefacente calcare arancione, l’ideale per un’arrampicata che può piacere proprio a tutti, esperti ed appassionati. Su queste incredibili pareti, infatti, ci sono vie di ogni difficoltà e lunghezza. Noi, per esempio, abbiamo salito vie impegnativa come Les Rivières Pourpres e L’Axe du Mal, ma anche vie più corte e meno difficili come Au Nom de la Reforme.
Il viaggio e il soggiorno sono relativamente economici ed occorre un periodo piuttosto breve di ferie (una decina di giorni almeno), ma di sicuro ne vale la pena. Pensateci!”
Alessandro Baù