Cervino, la Cresta del Ga(leone): un racconto

Alpinismo | Commenti disabilitati su Cervino, la Cresta del Ga(leone): un racconto

Sicuramente il punto di vista di una guida alpina in merito a un’ascensione, ad una via impegnativa o ad una traversata, è quanto di più autorevole ed affidabile ci possa essere, per affrontare determinati progetti in sicurezza.

Ma quando questo punto di vista diventa un racconto personalissimo, fantasioso e un po’ irriverente, allora la montagna stessa si trasforma in un luogo famigerato, misterioso o inarrivabile, a seconda dei casi, depositario di ambizioni e desideri e, talvolta, anche di ostinazioni poco ragionevoli.

Con questa breve premessa vogliamo introdurvi il primo di una serie di racconti della nostra guida alpina Tommaso Dusi, che ci regala una chiave di lettura creativa e coinvolgente di una tra le ascensioni più ambite: il Cervino. Ma senza tralasciare una punta di sana ironia che, fuor di metafora, vuole essere un serio invito alla riflessione su taluni eccessi e accanimenti.

La montagna, si sa, va rispettata. Ma anche raccontata, con delicatezza e con una buona dose di disincantato realismo.

Da grande appassionato di fotografia, Tommaso accompagna questo racconto – e quelli che verranno – con alcuni suoi scatti, i quali mantengono la stessa filosofia delle foto analogiche in camera oscura, senza post produzioni ma con i semplice uso della “simulazione rullino” della Fuji: il rullino Velvia (un must tra i fotografi paesaggisti di National Geographic) ed il rullino Bianco e Nero, con filtro rosso ad alto contrasto.

Buona lettura!

LEGGI IL RACCONTO, CLICCANDO QUI.

alba-elvetica2-dufourspitze atollo2-val-dannivers dent-blanche2-cervino diavolo-e-geranei2-valtournenche memento-mori2-les-houches